17.6.10

il pasto chiatto

crack! fumetti dirompenti, il festival internazionale del fumetto organizzato nelle segrete del forte prenestino in roma, giunge alla sua sesta edizione. ogni anno tanti disegnatori di mondiale provenienza vengono invitati a parteciparvi, molti altri si autoinvitano, qualcuno arriva solo per rovinare la festa, come nel vecchio film di polanski.
chiaro omaggio degli organizzatori ai balli scolastici di fine anno americani, ogni edizione del festival propone un tema diverso. quello dell'anno scorso, pur essendo in loco, non me lo ricordo. forse perchè nel mio culo si svolgeva un altro festival a tema: "emorroidi del 4° tipo & rapimenti alieni" e il lettore più attento e smaliziato avrà a suo tempo seguito sulle pagine di questo blog l'avvicendarsi delle notizie fino al loro epilogo finale, video in streaming, la spettacolare esplosione di fluidi dalle terrazze est di castel sant'angelo.
"hate & love" il fil rouge di quest'anno, 16, 17, 18 e 19 giugno i giorni dell'evento.


nell'antologia di brevi storie a fumetti dedicata, anche una mia, "carnazza", oltre a quelle del talentuoso ma purtroppo bravissimo tiziano angri. presenti all'appello anche il sosia di tim robbins con la barba, l'ottimo duccio boscoli, e volevate che non ci fosse pure marco corona, ovviamente, a quello chi lo schioda, una volta che ha preso la poltrona non la molla più; e ancora altri fetentoni che ora non mi soggiungono ma semmai poi ci si mette una pezza grazie a questo internet orwelliano fatto di notizie che un giorno sono così e dimane cosà, sai tu? e come fai.

 Carnazza
(puverille for crack! 2010)

piccolo aggiornamento che c'entra come le melenzane a colazione: ziguline, la nota testata giornalistica famosa per aver scoperto le scorze di mellone, nella figura del buon giuseppe d., riserva apposta apposta per me un bell'articolozzo, e io me ne giovo e me ne fo vanto senza meno.

26 commenti:

  1. grazie amici estimatori del chiatto, è soprattutto merito della vostra benevolenza se qua continua a vivere!

    RispondiElimina
  2. Yo fratello, mi vien voglia d'addentare la polpa di tutto

    l'occhialino Lolita cita senza jane.

    RispondiElimina
  3. fra poco finalmente soli: lui e la sua piccola dolores.

    RispondiElimina
  4. ah ma allora la seconda non era una tavola pedopaperottopornografica!
    meno male va...
    così son più tranquilla

    RispondiElimina
  5. ho smesso di essere troppo didascalico, lascio alle perversioni del lettore il compito di nutrire la sua propria fantasia a seconda degli ingredienti che lascio sul tavolo da pranzo.

    RispondiElimina
  6. bbone le melanzane a colazione!!
    domani mattina melanzane e marmellata di fichi!

    Grazzzie Fabrizio del contributo
    Statt bbuon puverill!

    Giuseppe D.

    RispondiElimina
  7. La tazza " best uncle " è la chicca migliore! Belle Furbi, una più dell'altra

    RispondiElimina
  8. Belo blog! belo trabalho... passarei por aqui sempre! Abraços.

    RispondiElimina
  9. @giusepPP: statto bbuone puru tu!

    @ciro: grazie ciro, ci hai un occhio che fa a gara con la spia di grosso guaio a chinatown!

    @orecchia: un abbraccio anche a te, al teatro e alle teatranti. torna presto!

    RispondiElimina
  10. ha chiamato gigi allin, dice che ha trovato queste ultime tavole un po' troppo forti ma che gli piaci sempre e ti saluta

    gli ho dato il tuo numero

    RispondiElimina
  11. grande angelone! così la prossima volta che facciamo quei giochini con la cera calda e i tubi innocenti facciamo partecipare anche lui -sempre che adolf l'alano sia d'accordo, è chiaro.

    RispondiElimina
  12. Tiziano Angri che non ha voglia di loggarsi19 giugno 2010 02:50

    l'hai presa la copia per me vero fabrizio??????????

    RispondiElimina
  13. oggi (sabato 23 maggio 2009, mi pare) vado e prendo la tua e la mia. ieri c'era popx a distrarmi e mi sono dimenticato di saltare, cioè volevo dire garrire, cioè volevo dire lambire, cioè volevo dire asfaltare, cioè volevo dire fucilare, cioè volevo dire ingessare, cioè volevo dire ingravidare, cioè volevo dire pelare, cioè volevo dire frustare, cioè volevo dire depennare, cioè volevo dire flirtare, cioè volevo dire ruttare, cioè volevo dire cagare, cioè volevo dire fischiare, cioè volevo dire gesticolare, cioè volevo dire gettare, cioè volevo dire poltrire, cioè volevo dire lucrare, cioè volevo dire trattare, cioè volevo dire sgombrare, cioè volevo dire sfruttare, cioè volevo dire sperare, cioè volevo dire spalare, cioè volevo dire ghermire, cioè volevo dire prestare, cioè volevo dire spalmare, cioè volevo dire belare, cioè volevo dire piallare, cioè volevo dire tremare, cioè volevo dire barrare, cioè volevo dire baciare, cioè volevo dire pontificare, cioè volevo dire restare, cioè volevo dire pulire, cioè volevo dire sfilare, cioè volevo dire temporeggiare, cioè volevo dire salutare, cioè volevo dire tiranneggiare, cioè volevo dire remunerare, cioè volevo dire entusiasmare, cioè volevo dire temperare, cioè volevo dire trivellare, cioè volevo dire reinterpretare, cioè volevo dire grattare, cioè volevo dire gelare, cioè volevo dire tratteggiare, cioè volevo dire ritirare le copie.

    RispondiElimina
  14. Sempre Tiziano che non si logga19 giugno 2010 03:24

    ue mi raccomando non spezzarmi il ventricolo destro che quella copia deve sostare tra i solliloqui pedanti di corrado augias e il ricettacolo per analfabeti di wilma de angelis

    RispondiElimina
  15. avrai ciò che ti spetta... ricordalo!
    ragazzi! andiamo!

    RispondiElimina
  16. per indossare la calzamaglia nera mi devo depilare tutto ogni volta

    non è divertente, sai

    RispondiElimina
  17. ma nu sfaccimme 'e post o' vuò fà na vota tant'???

    RispondiElimina
  18. ma 'sto blog? morse?

    RispondiElimina
  19. un attimo! datemi il tempo di rendermi conto che sono vivo!

    RispondiElimina
  20. e che cazzo, sarà finita l'estate o no? al lavoro su!

    RispondiElimina
  21. io sono come la fame, non vado mai in vacanza e sto sempre sul pezzo. a proposito, senti senti senti lo stomaco che rumore che fa, senti? senti come macina sentenze cassandrine, quell'antipatico di un disfattista.

    RispondiElimina
  22. enrico fontecedro11 ottobre 2010 12:27

    hai rotto il cazzo!

    RispondiElimina
  23. sì infatti adesso stuto facebook e torno a deliziare i vostri fini palati di macaco su queste paginone.

    RispondiElimina